Reply to this topicStart new topic

> I PREGIUDIZI SULL'ENERGIA SOLARE, ragioniamo con i dati ufficiali
 
Luca
Inviato il: Mercoledì, 04-Apr-2007, 14:58
Quote Post


Moderatore Globale
***

Gruppo: Top Moderators
Messaggi: 453
Utente Nr.: 44
Iscritto il: 02-Feb-2007



I mezzi di locomozione non potranno essere alimentati col fotovoltaico perchè è richiesta un'enorme superficie di pannelli vero o falso ?

secondo quello che passa sui blog riporto un piccolo post:

Spero stia scherzando, ma ha realmente idea di quanto costi produrre energia elettrica tramite fotovoltaico ?
Per avere un idea, un impianto per produrre 400 KWh ossia 50 Kwatt per 8 ore necessari per movimentare un'utilitaria di 70 cavalli sono necessari 250 metri quadri di pannellatura !!!
Vada in rete e guardi un pò i prezzi e poi ne riparliamo.
xxxxxxx xxxxxxxx 13.03.07 15:57


Sembrerebbe che il luogo comune sia vero.

Ma invece non c'è nulla di più errato basta ragionare un attimo e calcolare quanto tempo impiegherebbe, per produrre i 400 Kwh sopraccitati, un comune impianto elettrico presente nelle nostre abitazioni, avendo una capacità di fornire al max 3 kw all'ora, e dato che in una abitazione son presenti vari elettrodomestici, potremmo rinunciare al max ad 1 kw questo significa che al giorno potremmo fare una ricarica di 24 kwh cioè servirebbero quasi 20 giorni per fare la ricarica citata dal blogger, una cosa senza senso.

Abbiamo così dimostrato che il blogger purtroppo ha le idee un pò confuse in questo settore, ma non abbiamo ancora risposto alla domanda iniziale è vera o falsa?

Prendiamo in esame, non semplici pubblicazioni in rete, ma i dati che possiamo rilevare dai siti web ufficiali delle case:
- dal sito della Vectrix.com si rileva, relativamente al Max-Scooter elettrico:
"L’azienda ha lavorato in stretta collaborazione con la Gold Peak Batteries per sviluppare un pacco batterie a nichel idruri metallici(NiMH), 30 Ah, 125 Volt, creato specificamente per Vectrix. Il pacco batterie ha una capacità di 3.7 kWh ed è progettato per durare fino a 1.700 cicli completi di ricarica. Sulla base di un percorso medio da 160 a 240 chilometri alla settimana e di 2-3 cicli completi di ricarica alla settimana, il pacco batterie è previsto poter durare 10 - 15 anni. Cicli di ricarica parziali non creano “l’effetto memoria” caratteristico di altri tipi di batteria.
Il caricatore a bordo da 1,5 kW si collega ad una comune presa di corrente monofase (220 volt/10 ampère) e ricarica le batterie in circa 2 ore."
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


quindi batteria al NiMN con capacità max pari a 3,7 Kwh, da ricaricare all'80%, cioè dovremmo fare una ricarica di 3 kwh, ed infatti i tempi di ricarica vengono indicati in circa 2 ore utilizzando un caricatore da 1,5 kw all'ora.
Quindi con 3 kwh la casa garantisce la percorrenza di circa 110 km ad una velocità di 40 km/h.
Questo motoveicolo è in vendita da marzo 2007

dal sito della Chevrolet.com si può evincere:
La Chevrolet per il prototipo Volt, auto elettrica con motore a scoppio ausiliario capace di trasformare benzina e simili in elettricità, ricaricare la batteria, dichiara per la "batteria unica" al litio(ancora in fase sperimentale) una capacità di 16 kwh, tempi di ricarica di circa 6,5 ore quindi utilizzando un caricatore da 2,4 kw all'ora, fattibile tramite una comune presa elettrica di una abitazione.
La Chevrolet dichiara che con una ricarica si percorrono 65 km ad una velocità di 60 km/h.
fonte:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
;
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!

quest'auto non è in vendita in quanto, sembra che unica grande batteria al litio da 16 kwh dia problemi, mentre è già possibile farlo realizzando un pacco di mini batterie, ma forse il peso ed i costi ne impediscono la commercializzazione in serie.


Per cui stabilita la quantità reale di potenza richiesta dai mezzi possiamo calcolare quanti mq di pannelli fotovoltaici sono necessari.

Facciamo i calcoli per l'auto in quanto credo sia quella che suscita maggiore interesse, anche ripetiamo non è ancora in commercio, si spera lo sia tra il 2010 ed il 2012.
L'ideale sarebbe fare la ricarica durante la notte, cioè quando uno dorme, per cui diciamo che al max si riesce a fare 50 km con una ricarica in quanto capita, anche moderando la velocità di andare ad una velocità maggiore di 60 km/h, per cui possiamo fare una ricarica per 50 km al giorno cioè 50x365 = 18250 km all'anno.
In questo caso effettuando una ricarica al giorno tutti i giorni risultano necessari, dato che una ricarica è pari a 16 kwh, (16 x 365) = 5840 kwh all'anno.
Ora ipotizzando una percorrenza reale di circa 12.000 km, servirebbero soltanto 3840 kwh all'anno.

Un impianto da 3 kwp cioè i classici 24 mq di pannelli fotovoltaici produce:
Al Sud Italia 4.500 kwh all'anno.
Al Centro Italia 3.900 Kwh all'anno.
Al Nord Italia 3.300 Kwh all'anno.

In conclusione per percorrere in solo elettrico 12.000 km all'anno a velocità moderata(<90 km/h) sono sufficienti :
21 mq al Sud,
24 mq al Centro
28 mq al Nord

per cui si può certamente dire l'affermazione iniziale è completamente errata.

L'unico aspetto temporaneamente negativo, e che il costo del fotovoltaico(SENZA INCENTIVI STATALI) è ancora superiore al costo dei carburanti classici.

E sopratutto relativamente all'auto il fatto che la batteria unica al litio è ancora in fase sperimentale, e quindi l'auto non è ancora in commercio.

Riguardo al Max-Scoter il discorso è diverso, utilizza una batteria al NiMH, serve una capacità molto inferiore, ha una resa per ricarica 3 kwh diciamo 80 km in quanto la velocità di 40 km/h per fare 110 mi sembra troppo limitata.
Quindi si riesce a fare 80 km con (3 x 0, 2)= 0,60 euro equivalgono all'incirca a mezzo litro di carburante cioè possiamo dire che ha velocità moderata si ha una resa equivalente pari a circa 150 km al litro.
E sopratutto è in commercio anche se il prezzo è alto.
Circa 13.000 euro.

In prospettiva le cose dovrebbero capovolgersi, tanti sperano entro 5-10 anni per due precisi motivi:

1) il fotovoltaico dovrebbe diminuire il costo ed aumentare la sua resa, questo dovrebbe portare ad richiedere la metà della superficie attuale, ed una spesa ugualmente dimezzata.

2) dato che da più parti si dice che il petrolio dal 2030 inizierà a scarseggiare in maniera tangibile, di conseguenza tra 10 o 15 anni i prezzi dell'oro nero non potranno che salire in maniera vertiginosa.


Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.4712 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]