Reply to this topicStart new topic

> L'UNIONE MEDITERRANEA DI NICOLAS SARCOZY, la visione del presidente francese
 
MatteoAdmin
Inviato il: Sabato, 09-Ago-2008, 15:00
Quote Post


Administrator
***

Gruppo: Admin
Messaggi: 921
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 04-Nov-2006



Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Documento illustrativo francese che non ha uno status ufficiale

L'UNIONE MEDITERRANEA SECONDO LA PRESIDENZA FRANCESE DI NICOLAS SARKOZY

Processo di Barcellona: Unione per il Mediterraneo


Obiettivi politici

L'Unione europea per il Mediterraneo mira a portare le due sponde del Mediterraneo in via di sviluppo su larga scala regionale progetti che soddisfino le esigenze della Popolazione.

I popoli di entrambe le parti non hanno solo interessi condivisi, ma prima mentre un destino comune. E' urgente dare i mezzi necessari per affrontare insieme le sfide. Che è l'ambizione del progetto di Unione per il Mediterraneo.

Tra le due sponde del Mediterraneo sono il divario di ricchezza con la massima fermezza mondo tra due regioni contigue, come il PIL pro capite e per anno in una relazione di almeno 1 a 10. Questo divario di sviluppo continua peggio, poiché negli ultimi 15 anni e porta con sé gravi rischi per stabilità su entrambi i lati del Mediterraneo. Secondo l'OCSE, dovrebbe essere creato 40 milioni di posti di lavoro nei prossimi quindici anni per mantenere soltanto disoccupazione al livello attuale del sud del Mediterraneo. Il flusso Europea per gli investimenti nel settore sia anormalmente basso: l'Europa fa si rende conto che il 2% dei suoi investimenti nel Mediterraneo, mentre gli Stati Uniti e in Giappone, rispettivamente, investire il 20% e il 25% dei loro investimenti dal "suo" sud. Il Mediterraneo è una delle regioni del mondo più colpiti a breve termine, le conseguenze del cambiamento climatico, i cui desertificazione.

Avviato nel corso della campagna presidenziale 2007 dal candidato Nicolas Sarkozy, incluso nel suo discorso di Tangeri, 23 ottobre 2007, e chiarito nella "ricorso Roma ", hanno lanciato insieme il 20 dicembre 2007 da Francia, Italia e Spagna, l'Unione progetto per il Mediterraneo mira soprattutto a creare solidarietà di fatto tra le due parti, su base paritetica, attraverso un la governance condivisa e la realizzazione di progetti concreti di interesse comune.
Il vertice franco-tedesco del 3 marzo 2008 ha aperto la strada per un accordo europeo l'Unione europea per il Mediterraneo.
Il Consiglio europeo del 13 e 14 marzo 2008 ha approvato il principio che ora potrebbe essere denominato: "Processo di Barcellona: Union pour la Mediterraneo.
Il progetto ha, infatti, destinato a ristabilire il processo di Barcellona a diventare un vero partenariato tra il Nord e il Sud.


Dal processo di Barcellona a l'Unione europea per il Mediterraneo

Tutti gli europei e mediterranei partner accetta di dire di fare di più e meglio per il Mediterraneo, considerando che solo una piccola quota di obiettivi di Barcellona è stato completato.
L'Unione europea per il Mediterraneo, pertanto, mira ad aprire una nuova fase di cooperazione nel Mediterraneo, dando una nuova forma per il processo inaugurato a Barcellona nel 1995.

E ', al di là della cooperazione già esistente, di stabilire un governo condivisi e creare solidarietà sempre più stretta attraverso progetti concreta dimensione regionale.
Questo rinnovato impulso politico per il Mediterraneo, avrà risultato per l'attuazione di una vera parità di partenariato tra i due sponde.

I 3 principali valori aggiunti del progetto, l'Unione europea per il Mediterraneo sotto l'attuale processo di Barcellona sono pertanto:
-- Un forte impulso politico al più alto livello con il principio di Vertici dei Capi di Stato e di governo, ogni due anni, la prima si è tenuta il 13 luglio 2008 a Parigi;
-- Una governance condivisa per una parità di partenariato e in uno spirito di co-decisione tra i suoi membri attraverso un co-presidenza, ha assicurato congiuntamente da un membro e un paese paesi non membri dell'Unione Europea, e di un Segretariato permanente ugualmente paritario. Questo struttura di gestione, luce e operativa, composta di persone questioni congiuntamente paesi del nord e sud del Mediterraneo dare sostanza a questa partnership;
-- Il lancio di grandi progetti e unificante dimensione Regionali. Questi progetti sarà aperta a tutti i partner che desiderio e sarà attuato secondo il principio della geometria variabile. Essi coinvolgono il settore privato, che fin dall'inizio manifesto
in tutti i paesi del Mediterraneo il suo interesse per questa iniziativa. Il completamento di tali progetti prevedano la partecipazione di finanziamenti pubblici e privati, e non può essere limitata ai finanziamenti.

Il Consiglio europeo del 19 e 20 giugno 2008 ha avviato i negoziati con tutti i paesi membri dell'Unione europea per il Mediterraneo, al fine di definire le regole di funzionamento e le competenze di nuove istituzioni.


I progetti

Si tratta di una nuova dinamica, lanciando progetti concreti, la solidarietà, che anzi deve contribuire al ravvicinamento fra i paesi del Mediterraneo e dei paesi Europa.
Questi progetti saranno geometria variabile con gli Stati che desiderano partecipare in base al loro interesse.
Sono destinati ad essere sviluppato e attuato con l'assistenza di tutti i soggetti interessati, in particolare le autorità locali e regionali, imprese private, le associazioni e le ONG, le università, i centri ricerca e istituti di formazione, fondazioni, ecc.
Il vertice il 13 luglio darà la priorità a 6 grandi progetti:
-- L'ambiente e lo sviluppo sostenibile, concentrandosi sulle azioni per il disinquinamento del Mediterraneo. Il progetto "Horizon 2020" già individuate saranno in grado di essere avviato mediante il coinvolgimento dell'Unione europea per il Mediterraneo e il nuovo Il finanziamento permetterlo. Queste azioni hanno anche lo scopo di proteggere le zone costiere e marine;
-- Trasporti tra cui il piano di sviluppo autostradali Marittimo di collegamento tra l'est e l'ovest del Mediterraneo, anche attraverso migliore connessione porti e le azioni in favore dei sicurezza marittima;
-- Una rete di protezione civile che sarebbe meglio mettere in comune le risorse per la lotta contro i rischi naturali (incendi, terremoti terra, tsunami), in particolare in termini di prevenzione dei rischi;
-- Alternative di energia, in particolare solare. L'Unione partner Mediterraneo anche lavorando per sviluppare un piano solare Mediterraneo, al fine di limitare le emissioni di gas a effetto serra, ridurre vulnerabilità del sistema energetico e migliorare l'accesso per l'energia popolazioni isolate;
-- L'istruzione superiore e di ricerca. Progetti comprendono, ad esempio, sulla creazione di uno spazio universitario e di ricerca attraverso il Mediterraneo una rete di università, centri di ricerca e accademie Scienza;
-- Una iniziativa dedicata allo sviluppo delle microimprese, piccole e medie dimensioni società, che propongono programmi di assistenza tecnica e di sostegno strumenti finanziari. Inoltre, molti altri settori di intervento possono essere proposte d'azione nel quadro dell'Unione europea per il Mediterraneo, prossimi anni:
-- L'accesso e la gestione di acqua, se l'acqua potabile, impianti di irrigazione o di acqua industriale. Il 70% del consumo di acqua nel Mediterraneo è utilizzata per l'irrigazione. La desertificazione avanza non solo nel sud del Mediterraneo, ma ora il nord. Sarebbe stabilire una strategia per l'acqua Mediterraneo, con una gestione efficace e sostenibile delle acque e forniture coordinamento dei donatori e dei paesi interessati;
-- La formazione professionale valorizzare il percorso di qualificazione, trovando luoghi di integrazione corso cambiamenti tecnologici, l'espansione esperienze successo e la creazione di strumenti per la condivisione e la diffusione interattiva nella maggior parte dei moduli di domanda;
-- Scambi di giovani. L'attuale volume degli scambi tra i giovani nella Regione mediterranea è estremamente basso. Sarebbe sviluppare sinergie tra le varie strutture esistenti, e con un bilancio leva significativo per l'attuale volume di scambi commerciali;
-- Nel campo della sanità, in particolare l'ammodernamento della servizi sanitari pubblici nel Mediterraneo, in particolare in via di sviluppo teleterapia medico;
-- Sono anche colpendo l'agricoltura, lo sviluppo urbano e la pianificazione territorio, le TIC, l'audiovisivo e cinematografico cooperazione, scambi culturali, turismo, questioni di giustizia e del diritto, e così via.
Ciascun progetto deve trovare un proprio finanziamento. I fondi (Strumento europeo di vicinato e partenariato, in particolare) può essere quindi chiesto che i progetti soddisfino gli obiettivi e le condizioni di questi dispositivi. Molte altre fonti di finanziamento, già presenti in zona, e sarà anche ampiamente ricercata: i donatori internazionali (Banca europea per gli investimenti, Banca Mondiale, Banca africana Lo sviluppo, ecc.) E le agenzie di sviluppo (Agenzia francese
Lo sviluppo, KFW tedesco, spagnolo Agenzia di cooperazione, ecc.) settore privato, la cooperazione bilaterale, e così via.

link ai progetti proposti:

Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


documento ufficiale in lingua francese, comprende tutti i progetti, 27 pagine PDF:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


SI NOTI BENE CHE QUESTO DOCUMENTO E' STATO PROPOSTO COME BASE DI LAVORO DALLA PRESIDENZA FRANCESE.
NON E' STATO ANCORA ADOTTATO UFFICIALMENTE "DALL'UNIONE MEDITERRANEA".
PER SVILUPPARE PROPORRE ED ATTUARE I PROGETTI E' STATA PREVISTA LA CREAZIONE DI UN "SEGRETARIATO COMUNE" A CARATTERE TECNICO CHE VERRA' DEFINITO IN TUTTI I DETTAGLI NELLA RIUNIONE DEI 43 MINISTRI DEGLI ESTERI DA TENERSI A NOVEMBRE, IN QUELLA ASSEMBLEA SI DECIDERA' LA SEDE FISICA DEL "SEGRETARIATO COMUNE", SEMBRA CHE SARA' UNA SCELTA TRA ALGERI E TUNISI.
PER "IL COMITATO MISTO PERMANENTE" E' STATO DECISO CHE AVRA' SEDE A BRUXELLES.
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.8081 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]