Reply to this topicStart new topic

> Energia Solare per il Mediterraneo - progetto, proposto dalla Presidenza francese
 
MatteoAdmin
Inviato il: Sabato, 09-Ago-2008, 20:01
Quote Post


Administrator
***

Gruppo: Admin
Messaggi: 921
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 04-Nov-2006



L'UNIONE MEDITERRANEA DI NICOLAS SARKOZY

Progetto: Energia Solare Piano per il Mediterraneo
Documento illustrativo francese che non ha uno status ufficiale


1. Domanda di energia nel Sud ed Est del Mediterraneo quattro volte maggiore
quella a nord del bacino


Entro il 2025, la domanda di energia primaria potrebbe aumentare di un fattore pari a 1,5 nel Mediterraneo, come il Sud-Est e paesi del Mediterraneo (PSEM) sono sperimentando tassi di crescita nella loro fabbisogno di energia quattro volte superiore a quello paesi del Nord (PTM). In tal modo, rappresentano il 42% della domanda totale per la produzione di energia nel bacino del Mediterraneo, contro il 29% nel 2006. Turchia potrebbe diventare il secondo più grande consumatore nel bacino.

La domanda di energia primaria nel Mediterraneo

Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Fonte: Observatoire Méditerranéen de l'energia


Combustibili fossili (petrolio, gas, carbone) totale l'80% della fornitura di energia di questi paesi (94% per PSEM, 75% per i PTM). Quattro paesi, l'Algeria, Libia, Egitto e Siria, sono esportatori di idrocarburi, fornendo il 22% delle importazioni di petrolio e il 35% delle importazioni di gas a l'intero bacino del Mediterraneo. Tutti gli altri paesi sono importatori netti di energia. La quota di fonti rinnovabili di energia, oltre a idro-elettrica e biomassa, è probabile che restano limitate, passando dal 2,8 al 3% di energia primaria nel PSEM e dal 3 al 4,2% nel PTM. In PTM, il settore dei trasporti ha registrato la maggiore crescita del consumo negli ultimi 30 anni, che occupano la prima posto con il 32% del consumo totale di energia nel 2005. In PTM, tutti i settori hanno notevolmente aumentato il loro consumo, con industriale e residenziale a superiore della tabella, nel 2005, al 36% e 27% rispettivamente. A seguito di questo scenario indicano un aumento dei rischi e impatto:
-- Le emissioni di CO2 provocate dal consumo di energia potrebbe aumentare tra il 2006 e il 2025 del 55% in PTM e del 119% dei PSEM. Nel 2025, le emissioni da PSEM, mentre rappresenta 1,8 volte meno per abitante rispetto a quelli di PTM, potrebbe costituire il 47% del totale delle emissioni nel bacino, contro il 33% 2006.
-- Energia dipendenza potrebbe aumentare notevolmente, sia per l'importazione di PSEM (passando dal 77% nel 2006 al 88% nel 2025) e per i PTM (dal 68% al 73%
nello stesso periodo).
-- La sociale ed economica rischi associati con l'aumento dei costi di approvvigionamento e la sua impatto sulla bolletta energetica dei paesi, le famiglie e le imprese sarebbero aumentato.


2. Il piano di energia solare per il Mediterraneo

Alla luce di questo rapido aumento della domanda di energia nel Sud e Est
Mediterraneo e la lotta contro il cambiamento climatico, una parte importante della nostra risposta potrebbe essere fornito dal Piano di Energia Solare per il Mediterraneo:
-- Il piano di Energia Solare per il Mediterraneo potrebbe fornire per la costruzione di ulteriori basse emissioni di carbonio - e in particolare solare - capacità di generazione di energia elettrica nei paesi del bacino del Mediterraneo.
-- La partecipazione degli investitori privati e l'esportazione di alcuni di produzione in Europa dovrebbe essere esaminata per garantire la redditività di questi progetti.
-- Il consumo di una quota maggioritaria di energia elettrica generata dalle locali mercato e le misure per gestire la domanda e l'efficienza energetica contribuirà a
soddisfare la rapida crescita fabbisogno interno nel Sud paesi del Mediterraneo.


3. Un grande potenziale di energia solare per soddisfare il fabbisogno energetico e rispondere alle sfide della regione

Fonti energetiche rinnovabili non sono ancora molto sfruttata nella regione del Mediterraneo, rappresenta solo il 4% del consumo totale di energia in questi paesi (tra cui idroelettriche potenza). Tuttavia, i paesi del Mediterraneo godere estremamente favorevole sole condizioni e hanno un gran numero spazi aperti in grado di ospitare su larga scala di energia elettrica impianti di generazione. La costruzione di stazioni di energia solare consentirà al Sud Paesi mediterranei per aumentare la loro capacità di produzione e per coprire una parte del il loro consumo interno. Alcune delle capacità aggiuntiva potrebbe essere conservati per l'esportazione ai paesi dell'Unione europea. Lo sviluppo di energia solare e la
aumentare l'efficienza energetica comporterà una diversificazione del mix energetico con un riduzione della dipendenza e ai rischi associati ad un massiccio ricorso a combustibili fossili. Infine, nel paesi produttori di energia, lo sviluppo di energia solare stazioni consentirà scarse scorte di combustibili fossili per essere preservato. Ciò contribuirà a esportazione di salvaguardia significativa di entrate per lo sviluppo nazionale a lungo termine. Il costi di produzione di concentrato di energia solare sono simili a quelli della classica le centrali termiche, e potrebbe consentire su larga scala commerciale di produzione per essere costruito in fretta.


4. L'energia solare deve diventare competitiva tra il 2012 e il 2020

Alcuni paesi del Mediterraneo hanno già una lunga esperienza di acqua solare
riscaldamento (Israele, Giordania, Tunisia). Celle fotovoltaiche sono utilizzati principalmente per oggi fini di elettrificazione delle zone rurali (13 MW installati nel Sud del Mediterraneo). Il i costi di questa tecnologia, nonostante una rapida caduta, è probabile che rimangono elevati fino al 2020; tuttavia è ampiamente utilizzato in zone isolate.
Concentrato di energia solare non è ancora diffusa, ma più centrali sono a fase di pianificazione. I costi di produzione di energia elettrica da solare concentrazione sono simili a quelli della classica centrali termiche, e potrebbe consentire commerciali su larga scala di produzione per essere costruito in fretta. Le proiezioni elaborate principalmente dalle federazioni europee del settore e da esperti nei vari Paesi mediterranei confermare queste stime, e mettere il potenziale di sviluppo nuovo a basse emissioni di carbonio impianti di generazione (concentrato di energia solare, cellule fotovoltaiche e altre fonti di energia rinnovabili) a 20 GW entro il 2020.


5. L'energia solare settore si sta affermando su scala industriale

L'energia solare è nelle fasi iniziali prima di 'decollo'. Dopo l'iniziale delusioni,
un nuovo canale che si sta aprendo. Conoscenze è in crescita incrementale (centrali solari a sali fusi e vapore creano energia elettrica) a partire da sperimentate e collaudate tecnologie di base.


6. Un nuovo metodo di finanziamento: il sistema di scambio di certificati di europeo origine potrebbe essere esteso ai paesi vicini

In senso generale, un sistema di negoziazione dei certificati di origine permette ai potenziali investitori a mettere il loro denaro dove le condizioni sono più favorevoli. Aperto fino alle paesi del Mediterraneo, tale sistema consentirebbe di investimento nei paesi in al di fuori della UE per la produzione di energia elettrica per la vendita all'interno dell'Unione europea, contribuendo a soddisfare il
l'obiettivo europeo in materia di fonti energetiche rinnovabili. Questo tipo di istema
produrrebbe un ritorno sugli investimenti, rendendo la rete competitiva e potrebbe
di backup con meccanismi che coprono le emissioni di CO2.


link ai progetti proposti:

Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


documento ufficiale in lingua francese, comprende tutti i progetti, 27 pagine PDF:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


SI NOTI BENE CHE QUESTO DOCUMENTO E' STATO PROPOSTO COME BASE DI LAVORO DALLA PRESIDENZA FRANCESE.
NON E' STATO ANCORA ADOTTATO UFFICIALMENTE "DALL'UNIONE MEDITERRANEA".
PER SVILUPPARE PROPORRE ED ATTUARE I PROGETTI E STATA PREVISTA LA CREAZIONE DI UN "SEGRETARIATO COMUNE" A CARATTERE TECNICO CHE VERRA' DEFINITO IN TUTTI I DETTAGLI NELLA RIUNIONE DEI 43 MINISTRI DEGLI ESTERI DA TENERSI A NOVEMBRE, IN QUELLA ASSEMBLEA SI DECIDERA' LA SEDE FISICA DEL "SEGRETARIATO COMUNE", SEMBRA CHE SARA' UNA SCELTA TRA ALGERI E TUNISI.
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.5520 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]