Reply to this topicStart new topic

> Il MoviSol ed il suo fondatore Lyndon LaRouche, Movimento diritti civili-solidarietà
 
MatteoAdmin
Inviato il: Sabato, 07-Lug-2007, 12:31
Quote Post


Administrator
***

Gruppo: Admin
Messaggi: 921
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 04-Nov-2006



Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Chi è LaRouche?

L'economista Lyndon Hermyle LaRouche Jr. è nato l'8 settembre 1922 a Rochester, nel New Hampshire. Nel corso degli anni Settanta e Ottanta è diventato una delle personalità più controverse sulla scena politica internazionale per una serie di motivi:
• è stato tra i primi a proporre la moratoria sul debito dei paesi in via di sviluppo a metà anni Settanta, polemizzando contro il FMI, la Banca Mondiale e altre istituzioni sopranazionali come fautrici di un sistema neo-colonialista di usura;
• si è distinto nella lotta contro l’ideologia “post-industriale” del rock, sesso e droga, in particolare denunciando i grandi traffici degli stupefacenti in mano ad un cartello finanziario sopranazionale;
• è stato l’iniziatore politico di quella che il 23 marzo 1983 fu ufficializzata dal Presidente Ronald Reagan come l’Iniziativa di Difesa Strategica (SDI). Nella concezione di LaRouche, lo scudo antimissilistico doveva essere realizzato congiuntamente dalle superpotenze e, adottando le migliori innovazioni tecnologiche alle frontiere della fisica, avrebbe garantito enormi ricadute tecnologiche sull’economia civile mondiale.
• Le sue previsioni economiche, in particolare quelle dei crac finanziari del 1987 e del 1998, hanno confermato ad un pubblico internazionale sempre più vasto le sue qualità di economista. In particolare dal 1994, LaRouche sostiene che il sistema finanziario vigente è in pratica fallito e che occorre sostituirlo con un sistema di concezione radicalmente nuova.
All’origine della preparazione economica di LaRouche si collocano gli studi dell’opera del fisico matematico tedesco Bernhard Riemann ed un progetto risalente al periodo tra il 1948 ed il 1952, quando LaRouche confutò le teorie di Norbert Wiener e di John von Neumann, due seguaci di lord Bertrand Russell, considerati come i padri della “società dell’informazione” e della “New Economy” il fallimento della quale è diventato oggi una realtà empirica incontenstabile.
La teoria sviluppata da LaRouche – che critica senza compromessi sia il liberismo che il marxismo – si riallaccia esplicitamente alla tradizione del “sistema americano di economia politica”, ovvero a quelle figure che, ribellandosi al colonialismo britannico, fecero degli Stati Uniti una superpotenza di sviluppo facendo leva sul principio, sancito dalla costituzione, del “bene comune”. LaRouche attribuisce particolare importanza ad Alexander Hamilton (1755-1804), il ministro del Tesoro che costruì un sistema bancario nazionale concepito per promuovere dirigisticamente la produzione, ad Abramo Lincoln (1809-1865), che applicò rigorosamente il programma economico di Henry C. Carey (1793-1879), ed ai principali continuatori dell’opera di questi, in particolare Franklin D. Roosevelt (1882-1945) e John F. Kennedy (1917-1963). LaRouche vede la storia americana come il principale campo di battaglia di uno scontro tra i continuatori di questa tradizione anticolonialista creatrice degli Stati Nazionali – le cui radici sono europee e rinascimentali – e quelle forze fautrici di una “Pax Americana”, che di fatto corrispondono agli interessi oligarchici sopranazionali, storicamente acquartierati soprattutto in Inghilterra. Questo scontro, afferma LaRouche, interessa e coinvolge essenzialmente ogni altro “conflitto” politico, economico e culturale, sia nazionale sia internazionale.
Oggi LaRouche propone di tornare all’America di Franklin D. Roosevelt, il presidente che varò i programmi economici dirigistici grazie ai quali gli USA uscirono dalla grande depressione degli anni Trenta, che sconfisse il nazismo e gettò le basi per la ricostruzione del dopoguerra, nel contesto del sistema originale di Bretton Woods. In questa prospettiva LaRouche si è ripetutamente candidato alla Casa Bianca nel Partito Democratico USA, facendo appello agli stessi strati sociali che negli anni Trenta e Quaranta portarono Franklin D. Roosevelt alla presidenza.
Gli interessi di questi strati composti da lavoratori, agricoltori e minoranze emarginate sono stati sistematicamente disattesi dalla dirigenza democratica, a partire dagli anni Settanta.
Per diffondere queste idee LaRouche ha fondato la rivista settimanale internazionale "Executive Intelligence Review" (EIR).


fonte:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.3325 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]