Pagine : (2) [1] 2   Reply to this topicStart new topic

> UN MARE DI GHIACCIO SU MARTE, radar avvista distesa d'acqua ghiacciata
 
Luca
Inviato il: Venerdì, 16-Mar-2007, 21:02
Quote Post


Moderatore Globale
***

Gruppo: Top Moderators
Messaggi: 453
Utente Nr.: 44
Iscritto il: 02-Feb-2007



Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


UN MARE DI GHIACCIO SU MARTE


IL RADAR "MARSIS", A BORDO DELLA NAVICELLA SPAZIALE EUROPEA "MARS EXPRESS ", UNA TECNOLOGIA ITALIANA SVILUPPATA DALL'UNIVERSITA' DI ROMA "LA SAPIENZA" IN COLLABORAZIONE CON LA NASA

HA RILEVATO UN'ENORME DISTESA DI GHIACCIO SPESSA SINO A 3,7 KM CAPACE DI RICOPRIRE, SE SCIOLTA, TUTTO IL PIANETA ROSSO CON UNO STRATO D'ACQUA PROFONDO 11 METRI


Google: Questa pagina è stata tradotta automaticamente dal Inglese

Ghiaccio del palo del sud del Marte in profondità e largamente
15 marzo 2007


Pasadena, California -- Le nuove misure della regione polare del sud del Marte indicano la vasta acqua congelata. La regione polare contiene abbastanza acqua frozen per coprire il pianeta intero in uno strato liquido circa 11 tester (36 piedi) in profondità. Uno strumento NASA-Italiano unito dell'agenzia dello spazio sulla nave spaziale espressa del Marte dell'Ente Spaziale Europeo ha fornito questi dati.

Questa nuova valutazione viene dal tracciato dello spessore del ghiaccio. Lo strumento del radar del orbiter espresso del Marte ha fatto più di 300 fette virtuali attraverso i depositi fatti uno strato di che coprono il palo per tracciare il ghiaccio. Il radar vede con gli strati ghiacciati al contorno più basso, che è profondo quanto 3.7 chilometri (2.3 miglia) sotto la superficie.

“I depositi fatti uno strato di polari del sud di Marte coprono una zona più grande del Texas. La quantità di acqua che contengono è stata valutata prima, ma con il livello di riservatezza marche,„ ha detto Jeffrey Plaut del laboratorio di propulsione del getto della NASA, Pasadena possibile California Plaut di questo radar non è mai ricercatore co-principale per il radar e l'autore del cavo di nuovo rapporto su questi risultati pubblicati nell'edizione in linea del 15 marzo della scienza del giornale.

Lo strumento, chiamato il radar avanzato Marte per il sondaggio sotto la superficie ed ionosferico (MARSIS), inoltre sta tracciando lo spessore dei depositi fatti uno strato di simili al palo del nord di Marte.

“Il nostro radar sta facendo estremamente bene il relativo lavoro,„ ha detto Giovanni Picardi, un professore all'università di Roma “la La Sapienza,„ e ricercatore principale per lo strumento.

“MARSIS sta mostrandosi per essere un attrezzo molto potente da sondare sotto la superficie del Martian e sta mostrando come obiettivi della nostra squadra, come sondaggio dei depositi fatti uno strato di polari, stanno realizzandi con successo,„ Picardi detto. “Non solo è MARSIS ci che fornisce le viste mai visto della sottosuperficie del Marte a quelle profondità, ma i particolari che stiamo vedendo sono allineare stupefacenti. Prevediamo ancora i risultati più grandi quando abbiamo concluso una fine-sintonizzazione continua e specializzata dei nostri metodi dell'elaborazione dei dati. Questi dovrebbero permetterci di capire ancora migliore la composizione di superficie e sotto la superficie.„

I depositi fatti uno strato di polari tengono la maggior parte dell'acqua conosciuta su Marte moderno, comunque altre zone del pianeta sembrano essere molto bagnati occasionalmente nel passato. Capire la storia ed il destino di acqua su Marte è una chiave a studiare se Marte ha sostenuto mai la vita, poiché tutta la vita conosciuta dipende da acqua liquida.

I depositi fatti uno strato di polari si estendono oltre e sotto una protezione polare dell'anidride carbonica e dell'acqua congelate luminoso-bianche al palo del sud del Marte. La polvere scurisce molti degli strati. Tuttavia, la resistenza dell'eco che il radar riceve dalla superficie rocciosa sotto i depositi fatti uno strato di suggerisce che la composizione dei depositi fatti uno strato di è almeno 90 per cento dell'acqua congelata. Una zona con una riflessione particolarmente luminosa dalla base dei depositi imbarazza i ricercatori. Assomiglia a che cosa uno strato sottile di acqua liquida potrebbe assomigliare allo strumento del radar, ma le circostanze sono così fredde che la presenza di acqua fusa è ritenuta altamente improbabile.

La rilevazione della figura della superficie al suolo sotto i giacimenti del ghiaccio fornisce le informazioni ancora sulle strutture più profonde di Marte. “Realmente non abbiamo conosciuto dove la parte inferiore del deposito era,„ Plaut detto. “Ora possiamo vedere che la crosta non è stata depressa dal peso del ghiaccio poichè sarebbe sulla terra. La crosta ed il manto superiore di Marte sono più rigidi della terra, probabilmente perché l'interiore di Marte è così tanto più freddo.„

Lo strumento di MARSIS sul orbiter espresso del Marte dell'Ente Spaziale Europeo è stato sviluppato insieme dall'agenzia dello spazio e dalla NASA italiane, sotto il controllo scientifico dell'università di Roma “la La Sapienza,„ nell'associazione con JPL e nell'università de Iowa, Iowa City. JPL controlla i ruoli della NASA in Marte espresso per la direzione di missione di scienza della NASA, Washington.

Per le informazioni sui programmi dell'agenzia e della NASA, chiamata: www.nasa.gov

per il testo originale:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
 
Luca
Inviato il: Venerdì, 16-Mar-2007, 21:35
Quote Post


Moderatore Globale
***

Gruppo: Top Moderators
Messaggi: 453
Utente Nr.: 44
Iscritto il: 02-Feb-2007



La scoperta nella calotta polare dell'emisfero australe

Marte, radar italiano avvista distesa d'acqua ghiacciata

Osservata da Marsis una quantità tale che se si sciogliesse coprirebbe l'intero pianeta. I risultati pubblicati su 'Science'. Crescono le possibilità di trovare vita sul pianeta Fotogallery

Roma, 16 mar. - (Adnkronos/Ign) - Crescono le probabilità di trovare vita su Marte. Nel Polo Sud del pianeta è stata infatti scoperta una distesa di acqua allo stato ghiacciato che si estende per un raggio di circa 200 chilometri ed è profonda, nelle sue parti più spesse, quelle vicino al Polo, oltre 3 chilometri. Se questa quantità di acqua ghiacciata si sciogliesse equivarrebbe a uno strato di acqua liquido profondo 11 metri che coprirebbe l'intero pianeta.

A 'vedere' e misurare la grande distesa di acqua ghiacciata è stato il radar italiano Marsis (Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionospheric Sounding) al lavoro sulla sonda europea Mars Express, la sonda d’esplorazione dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) realizzata in collaborazione con Alcatel Alenia Space, i cui dati ottenuti sono ora pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica 'Science'.

Grande l'entusiamo fra gli scienziati per la scoperta di Marsis, un'osservazione importante che "potenzia di molto le probabilità di trovare forme di vita su Marte" come spiega all'ADNKRONOS il primo responsabile del radar italiano, Giovanni Picardi, docente de La Sapienza di Roma e 'papà' del sofisticatissimo strumento montato sulla sonda spaziale europea dell'Esa che sta scrutando e osservando il pianeta rosso ormai dal giugno del 2003.

"Trovare l'acqua è importante. Dove c'è vita c'è acqua. Senza acqua non c'è vita" afferma ancora Picardi che guarda anche più avanti nel tempo. "L'uomo sta puntando a mettere piede sul pianeta rosso - dice - trovare l'acqua è quindi cruciale per una futura, possibile permanenza dell'uomo lassù''. E ora, dopo il primo veloce passaggio di Marsis sul Polo Nord di Marte e queste osservazioni più dettagliate sull'emisfero australe del pianeta, il sofisticatissimo radar italiano sta già cominciando a scrutare anche il ventre centrale di questo corpo celeste considerato il più simile alla Terra.

"Qualche dato importante lo stiamo iniziando a ricevere anche sull'area centrale di Marte - anticipa Picardi - ma sono pochissimi i dati che iniziamo ad acquisire, dovremo studiarli a fondo, aspettare che ne arrivino ben di più prima di poter parlare di conferme di presenza di acqua anche in quelle zone centrali".

E anche l'Agenzia Spaziale Europea, che ha mandato la sua prima sonda su Marte, spiega come sia stata realizzata la scoperta: "Questa nuova stima - dice - deriva dalla mappatura dello spessore del ghiaccio polveroso eseguita dal radar di Mars Express, che ha effettuato più di 300 sezioni virtuali attraverso i depositi stratificati che coprono la calotta. Il radar riesce a vedere attraverso gli strati ghiacciati fino al limite inferiore, che in alcune aree giunge fino a 3,7 kilometri di profondità sotto la superficie".

Soddisfazione e orgoglio anche da parte degli scienziati statunitensi che,impegnati nella missione, entrano nel merito della scoperta: "I sedimenti stratificati dell'emisfero meridionale di Marte coprono un'area grande quanto una grossa porzione dell'Europa. La quantità di acqua contenuta era già stata stimata, ma mai con il livello di sicurezza reso possibile da questo radar" afferma Jeffrey Plaut del Jet Propulsion Laboratory della Nasa di Pasadena, in California, corresponsabile scientifico del radar e primo firmatario della ricerca pubblicata da "Science".

fonte:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Pagine : (2) [1] 2  Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.4287 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]