Pagine : (7) 1 2 [3] 4 5 ... Ultima »  Reply to this topicStart new topic

> APOPHIS MINACCIA IL PIANETA TERRA, nel 2036 potrebbe colpire la terra
 
Luca
Inviato il: Sabato, 19-Mag-2007, 18:25
Quote Post


Moderatore Globale
***

Gruppo: Top Moderators
Messaggi: 453
Utente Nr.: 44
Iscritto il: 02-Feb-2007



I DANNI CAUSATI DAGLI ASTEROIDI PICCOLI DIAMETRO DI CIRCA 50 METRI

Dal sito della NASA
traduzione automatica di google

Danni da Impact -- il caso al cratere del Meteor, Arizona

da Linda M.V. Martel
Istituto di Hawai'i di geofisica e di Planetology


50.000 anni fa di mammoths, sloths, bisonte e cammelli probabilmente ha vagato la Rolling Hills ed i terreni boscosi grassy del plateau del Colorado in una zona conosciuta oggi come Arizona di nordest. Ma in un istante, un effetto del meteorite ha disturbato questa scena pacifica. Che cosa erano le conseguenze sull'ambiente? Che cosa è accaduto agli animali che vivono vicino all'effetto?

Secondo David Kring dell'università de Arizona, danni sarebbero stati rapidi e vasti. Gli incidenti sono derivato dalla vaporizzazione, sepoltura dalla roccia fresca espulsa e dal getto di aria distruttivo che si muove attraverso il paesaggio.

Kring ha calcolato la grandezza ed il limite radiale del getto di aria prodotto dall'evento di effetto del cratere del Meteor usando i rapporti di scaling dalle esplosioni nucleari. Le sue valutazioni mostrano la vaporizzazione immediata delle piante e degli animali a terra zero. I venti al di sopra di 1000 km/hour hanno raschiato la terra all'interno di 3 - 5 chilometri del punto di effetto ed hanno condotto a devastazione rapida della popolazione locale delle piante e degli animali. Appena ogni quanto tempo questa specie dell'evento di effetto si presenta su terra? Esamineremo i rischi potenziali.
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

I crateri di effetto sono trovati sulla luna, su tutti i pianeti terrestri, sugli asteroidi e sulla maggior parte delle lune dei pianeti esterni. Stanno costringendo la prova che l'effetto che cratering (scontri degli oggetti solidi) era un processo geologico dominante e diffuso nel sistema solare in anticipo. La terra è stata martellata similmente ma la maggior parte dei crateri rivelatori sono stati cancellati tramite i processi, la tettonica di piastra e l'erosione vulcanici da acqua, da vento, o da ghiaccio.

Tuttavia, le tracce di alcuni crateri ancora rimangono. Usando le immagini satelliti, le fotografie aeree, le osservazioni del campo, i programmi ed i dati geofisici sotterranei, i geologi hanno documentato oltre 150 crateri di effetto su terra. Poiché nessuno ha osservato mai la produzione di un cratere di effetto su tutto il pianeta roccioso, dobbiamo usare il formato e la figura dei crateri, la presenza di roccia fresca scavata, la figura ed il limite del ejecta e la roccia capovolta fa uno strato di negli orli del cratere per capire il processo cratering.

I ricercatori stanno guadagnando più comprensione dell'interazione fra energia di effetto, resistenza e struttura della roccia dell'obiettivo, presenza o assenza dei volatiles e gravità dai loro studi dei crateri di effetto durante il sistema solare.

L'effetto che cratering su terra ha un'implicazione profonda supplementare: incidenti mortali catastrofici. I cambiamenti ambientali locali e regionali e perfino le variazioni climatiche globali su terra sono stati attribuiti per avere effetto sugli eventi. Il cratere di Chicxulub sul litorale di Yucatan di condizione di celebrity guadagnata il Messico nell'inizio degli anni 90 come l'evento più probabile di effetto possibilmente connesso con l'estinzione dei dinosaurs alla conclusione del periodo cretaceo, circa 65 milione anni fa (anche saputo come l'effetto di K-T.) è conosciuto, tuttavia, dalle valutazioni dei tassi cratering che i più piccoli eventi di effetto hanno accaduto più frequentemente e che ci è stato un declino nel tasso di cratering con tempo.

Così la domanda è: che cosa i più piccoli, più frequenti eventi di effetto hanno fatto per interrare? Più importante, che havoc hanno potuto i più piccoli eventi di effetto rovinare sul nostro mondo moderno? Lo studio messo a fuoco di David Kring sulla zona al cratere del Meteor, Arizona fa la luce sul ambienti di alberino-effetto e pre.

Questa analisi luogo-specifica può essere usata come linea di base per illustrare che cosa accade agli ambienti locali e regionali quando un effetto, come l'evento del cratere del Meteor, avviene. L'energia esplosiva dell'evento del cratere del Meteor è stata paragonata ad un'esplosione nucleare dei 20 - 40 megaton.

Regolazione e caratteri

Il cratere del Meteor, Arizona (anche conosciuta come il cratere di Barringer) è uno dei luoghi classici di effetto nel mondo. Un foro a forma di scodella da 1.2 chilometri del diametro siede nella terra 60 chilometri di sud-est del Flagstaff, Arizona (35o02'N, 111o01'W.)

Il cratere è profondo circa 180 tester con un orlo che aumenta 30 - 60 tester sopra la pianura circostante. Secondo le misure effettuate da Steve Sutton all'università de Washington a St. Louis, il cratere ha formato circa 50.000 anni fa. (Steve è ora a Brookhaven ch'il laboratorio nazionale a New York dichiara.)

Usando la prova geologica e paleontologica corrente (quali i sedimenti del lago e i middens del packrat), Kring ha valutato che cosa il paesaggio, la vegetazione e la vita animale erano come 50.000 anni fa in questa zona del plateau del Colorado. Il piano al paesaggio un po'rotolante ha avuto un rilievo medio di circa 5 - 10 tester sopra le distanze di circa 0.25 - 1.0 chilometri. Una rete di fognatura poco profonda era già acqua trasportante stabilita al nordest e verso che cosa ora denominiamo il fiume piccolo del Colorado. I flussi basaltici dei coni e della lava del cinder hanno esistito circa 11 - 29 chilometri al sud, ad ovest ed al nord-ovest del luogo di effetto. Con l'eccezione del cratere di tramonto (dell'origine vulcanica; scoppiato più meno di 1.000 anni fa) e possibilmente altri due crateri vulcanici conosciuti come il cratere della fragola ed il cratere di O'Neil, tutte le caratteristiche topografiche viste oggi vicino al cratere del Meteor erano presente 50.000 anni fa.

I fossili sono rari nella zona, ma i dati disponibili suggeriscono che i mammoths, gli sloths, il bisonte e i packrats erano probabilmente sul plateau del Colorado ai tempi dell'effetto. I Mastodons, le capre della montagna, i cammelli, i cavalli ed i tapirs anche possono essere là. Abbastanza un menagerie!

Il getto di aria ed i relativi effetti

Dal punto di effetto, un'onda di scoppio invasa il paesaggio che produce i overpressures istantanei ad ogni punto sulla terra come la parte anteriore di scossa si è mossa fuori.

La quantità di danni dovuto i getti di aria è stata studiata con le esplosioni nucleari di superficie ed atmosferiche. Danni sono stati trovati per essere una funzione del rendimento e dell'altezza dell'esplosione. Dave Kring ha usato una gamma di energia esplosiva dei 20 - 40 megaton e di altezza di zero nella sua analisi della grandezza e del limite radiale degli stati dell'onda di scoppio per l'evento del cratere del Meteor (vedere la tabella qui sotto.)

Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Per l'articolo completo:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!

in lingua inglese
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
 
Luca
Inviato il: Lunedì, 21-Mag-2007, 12:10
Quote Post


Moderatore Globale
***

Gruppo: Top Moderators
Messaggi: 453
Utente Nr.: 44
Iscritto il: 02-Feb-2007



Premio di 50 mila dollari alla migliore idea per monitorare l'asteroide
Cosa fare con Apophis? Mandate progetti
Nel 2036 se avvenisse l'impatto sarebbe catastrofico


PASADENA – Volete guadagnare 50 mila dollari entro agosto 2007? Allora datevi da fare e presentate un progetto per monitorare, con la precisione di qualche metro, la corsa folle di un asteroide di nome Apophis che si avvicina pericolosamente alla Terra e che prima o poi potrebbe caderci addosso. Il premio è stato messo in palio in questi giorni dalla Planetary Society, un’associazione fondata dallo scomparso astronomo Carl Sagan, che riunisce decine di migliaia di appassionati di astronomia e spazio in tutto il mondo, con sede a 65 North Catalina Avenue, nella città californiana di Pasadena.

Fra i tanti asteroidi che popolano lo spazio interplanetario, Apophis rappresenta per noi un autentico proiettile vagante. Scoperto nel 2004, ha la forma di una patata butterata, con un asse maggiore di circa 400 metri e un peso di 46 miliardi di chili. Preoccupa il fatto che, girando attorno al Sole con un periodo di 323 giorni, attraversa l’orbita della Terra due volte l’anno e quindi il rischio dello scontro, per quanto improbabile, non è da escludersi. Se accadesse, l’impatto catastrofico solleverebbe polveri e gas fino alla stratosfera, oscurando per mesi la luce del Sole. Forse per questo gli astronomi gli hanno imposto il nome poco rassicurante di Apophis, la divinità delle tenebre dell’antico Egitto, spesso raffigurata in forma di serpente.

La necessità di sapere esattamente dove si trova, momento per momento, Apophis si è imposta pochi mesi fa, quando gli scienziati hanno scoperto che, in occasione di un suo passaggio ravvicinato accanto alla Terra previsto nel 2029, il subdolo proiettile spaziale potrebbe entrare in un «corridoio orbitale» stretto appena 600 metri, subendo un fenomeno di «risonanza gravitazionale» che gli farebbe aumentare la probabilità di impatto con il nostro pianeta. Secondo alcuni esperti, in questa malaugurata evenienza, il crash cosmico con la Terra avverrebbe nel 2036: comunque in tempo per organizzare una spedizione per deviare l’asteroide e evitare l’impatto .

«Poiché le osservazioni da Terra, sia quelle ottiche sia quelle radar, non sono sufficienti a predire se Apophis entrerà nel buco gravitazionale entrando in risonanza, l’ideale sarebbe progettare al più presto una missione spaziale automatica che porti sull’asteroide una trasmittente in grado di fornire un monitoraggio preciso e continuo della sua orbita», propone alla Nasa l’ex astronauta «Apollo» Rusty Schweickart, ora diventato esperto in asteroidi. Ma una missione del genere non è né facile né economica. Di qui l’iniziativa di coinvolgere tutti gli esperti in una gara con premio finale, allo scopo di raccogliere la migliore idea per il monitoraggio a distanza di Apophis. «Alle volte le trovate più originali piuttosto che dalle sedi scientifiche istituzionali, arrivano da sconosciuti ma intelligenti appassionati che hanno il dono del colpo di genio», assicurano alla Planetary Society.
Franco Foresta Martin
27 dicembre 2006

fonte:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Pagine : (7) 1 2 [3] 4 5 ... Ultima » Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.4122 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]