Reply to this topicStart new topic

> Unione Mediterranea - Dichiarazione Congiunta, dei Copresidenti Sarkozy e Mubarak
 
MatteoAdmin
Inviato il: Martedì, 05-Ago-2008, 17:21
Quote Post


Administrator
***

Gruppo: Admin
Messaggi: 921
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 04-Nov-2006



documento tradotto in automatico con l'ausilio di google:

Dichiarazione congiunta del vertice di Parigi per il Mediterraneo
Parigi, 13 luglio 2008
Sotto la co-presidenza di
il Presidente della Repubblica francese e il Presidente della Repubblica araba d'Egitto


En présence de
L'UNION EUROPÉENNE représentée par
S. Exc. M. Nicolas SARKOZY Président du Conseil européen
S. Exc. M. José Manuel BARROSO Président de la Commission européenne
S. Exc. M. Javier SOLANA Secrétaire général du Conseil de l'Union
européenne/Haut Représentant pour la politique
étrangère et de sécurité commune
* * *
L'ALBANIE représentée par
S. Exc. M. Sali BERISHA Premier ministre de la République d'Albanie
L'ALGÉRIE représentée par
S. Exc. M. Abdelaziz BOUTEFLIKA Président de la République algérienne
démocratique et populaire

seguono tutti gli altri 41 stati membri

LES NATIONS UNIES représentées par
M. BAN KI-MOON Secrétaire général des Nations unies

seguono tutti gli altri enti internazionali invitati all'evento.


Déclaration commune du sommet de Paris pour la Méditerranée
Paris, 13 juillet 2008


I capi di Stato o di governo Euro-Mediterraneo riuniti a Parigi il 13 luglio 2008, animata dalla volontà politica comune di rilanciare gli sforzi per trasformare il Mediterraneo in una zona di pace, di democrazia, di cooperazione e di prosperità decidere di adottare la dichiarazione come indicato qui di seguito:
Il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo, sulla base della dichiarazione Barcellona e gli obiettivi di pace, di stabilità e di sicurezza ivi stabilite, così come i risultati del processo di Barcellona, è un partenariato multilaterale volto ad aumentare il potenziale l'integrazione e la coesione regionale. I capi di Stato o di governo anche ricordare la centralità del Mediterraneo nelle preoccupazioni politiche di tutti i paesi. Essi sottolineare che la responsabilità per il processo deve essere meglio ripartito tra tutti i partecipanti e che è necessario per rendere il processo più importante e pratico agli occhi dei cittadini.
I capi di Stato o di governo hanno in comune la convinzione che questa iniziativa può svolgere un ruolo importante per quanto riguarda i problemi comuni che sorgono nella regione Euro-mediterranea come: lo sviluppo economico e sociale, la crisi globale del settore della sicurezza alimentare, il degrado ambientale, tra cui il cambiamento clima e la desertificazione, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile; energia; migrazione, il terrorismo e l'estremismo, promuovere il dialogo interculturale.
Questa iniziativa comprenderà tutti gli Stati membri e la Commissione europea, e Altri Stati (membri e osservatori) del processo di Barcellona. La Lega araba saranno invitati le riunioni del processo di Barcellona: una "Unione per il Mediterraneo, secondo la sua partecipazione a Processo di Barcellona. Il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo è lieta per ospitare la Bosnia-Erzegovina, Croazia, Monaco e Montenegro, che hanno accettato l'acquis
Processo di Barcellona.

Un obiettivo strategico per il Mediterraneo

1. Europa e paesi del Mediterraneo sono uniti da vincoli di storia, geografia e culturale, ma ancora più importante, di una comune ambizione, che è quello di costruire insieme un futuro di la pace, la democrazia, la prosperità e la comprensione umana, sociale e culturale. Per conseguire questi obiettivi, i partecipanti hanno convenuto di continuare con un rinnovato dinamismo i loro sforzi verso la pace internazionale e la cooperazione, analizzandone il problemi comuni e trasformano le buone intenzioni in azioni, in virtù di un rinnovata collaborazione per il progresso.

2. I capi di Stato o di governo hanno sottolineato l'importante ruolo svolto dal 1995
il processo di Barcellona, che è lo strumento centrale delle relazioni euro-mediterranee. Questo processo, che è un partenariato che includa Trentanove governi e più di 700 milioni di persone, ha fornito un quadro favorevole agli azione e un costante sviluppo. Il processo di Barcellona è l'unico forum in cui tutti i partner euromediterranei per lo scambio di opinioni e di partecipare a un dialogo costruttivo. Esso riflette un forte impegno per la pace, la democrazia, la stabilità regionale e la sicurezza attraverso la cooperazione e l'integrazione regionale. Il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo mira a costruire su questo consenso in modo da poter continuare la cooperazione, le riforme politiche e socio-economica e la modernizzazione, sulla base di uguaglianza e di rispetto reciproco per sovranità di ciascuno di essi.

3. I capi di Stato o di governo hanno sottolineato che è importante che la società civile, le autorità locali e regionali e il settore privato a partecipare attivamente all'attuazione di Processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo.

4. Per sfruttare le opportunità offerte da un rafforzamento del quadro di cooperazione multilaterale, Capi di Stato o di governo hanno deciso di lanciare un partenariato più forte - il processo Barcellona: Unione per il Mediterraneo.

5. Questa iniziativa riflette anche una comune aspirazione a raggiungere la pace e la la sicurezza regionale in conformità con dichiarazione di Barcellona del 1995, che promuove, tra l'altro, la sicurezza regionale di lavoro per la non proliferazione nucleare, chimiche e biologiche attraverso il rispetto e la conformità con una combinazione di regimi internazionali e regionali di non proliferazione, e gli accordi sulla limitazione degli armamenti e disarmo, come il TNP, la CWC, BWC, CTBT e / o accordi regionale, come arma-le zone franche, compresi i loro sistemi di verifica,
come, oltre a soddisfare in buona fede gli impegni delle parti nell'ambito di accordi
controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione.
Le parti stanno lavorando per stabilire il Medio Oriente una zona libera di armi di distruzione massiccia nucleare, armi chimiche e biologiche e dei loro vettori, che è dotato di un sistema reciproco di verifica efficace. Inoltre, le parti si prenderà in considerazione misure concrete a di prevenire la proliferazione delle armi nucleari, di armi chimiche e biologiche, e un eccessivo accumulo di armi convenzionali; astenersi da una capacità in via di sviluppo militare che va al di là dei loro legittimi esigenze di difesa, pur riaffermando la loro determinazione a raggiungere lo stesso livello di sicurezza e di costruire la fiducia reciproca con l'importo più basso possibile i livelli di truppe e armamenti e del rispetto dei CCW;
Promuovere le condizioni in grado di sviluppare buone relazioni vicinato tra di loro e sostenere il processo verso la stabilità, la sicurezza e la prosperità nonché la cooperazione regionale e subregionale; esplorare misure di fiducia e Sicurezza dovrebbero essere prese tra le parti verso la creazione di una "zona di pace e di stabilità nel Mediterraneo", tra cui la possibilità a lungo termine a lavoro in tal senso un Euro-Mediterraneo patto.

6. Questa iniziativa dimostra l'impegno delle parti a promuovere lo sviluppo
risorse umane e di occupazione, in conformità con gli obiettivi del Millennio
lo sviluppo, tra cui la riduzione della povertà, i capi di Stato o di governo
sottolineano la loro determinazione a rafforzare la democrazia e il pluralismo politico da parte del lo sviluppo della partecipazione politica e il rispetto di tutti i diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Essi hanno anche dire la loro ambizione di costruire un futuro basato sul pieno rispetto dei principi democratici, i diritti umani, e delle libertà fondamentali sancite strumenti internazionali sui diritti umani l'uomo, come la promozione della coesione economica, sociale, culturale, civile e politiche, il rafforzamento del ruolo delle donne nella società, il rispetto delle minoranze, lotta contro il razzismo e la xenofobia e la promozione del dialogo culturale e la la comprensione reciproca.

7. I capi di Stato o di governo hanno riaffermato il loro sostegno al processo di pace israélopalestinien, come indicato al ministeriale euromediterranea Riunione a Lisbona nel novembre 2007, e in conformità con il processo di Annapolis. Essi ricordano che la pace in Medio Oriente richiede una soluzione globale e li accogliamo favorevolmente a questo proposito, l'annuncio che la Siria e Israele si sono impegnati in colloqui di pace indiretti nel quadro del auspici della Turchia, in conformità con i termini di riferimento della Conferenza di Madrid per la pace.

8. I capi di Stato o di governo hanno riaffermato la loro condanna del terrorismo in tutti i le sue forme e in tutte le sue manifestazioni, e la loro determinazione a sradicare e lotta contro quelle che il sostegno e sono determinati ad attuare pienamente codice di condotta nella lotta contro il terrorismo, al fine di migliorare la sicurezza di tutti i cittadini in un quadro normativo che assicuri il rispetto dello Stato di diritto e dei diritti umani, in particolare attraverso la lotta politica contro il terrorismo più efficace e un una più stretta cooperazione per fermare tutte le attività terroristiche, proteggere gli obiettivi e gestire le potenziali conseguenze degli attentati. Essi sottolineano la necessità di agire su fattori che promuovono la diffusione del terrorismo in tutte le sue forme, in tutte le sue dimostrazioni e senza riserve, di chiunque, obiettivi e le finalità. Essi essi inoltre ricordare totalmente respingere i tentativi di associare qualsiasi religione o cultura, a che il terrorismo, e confermare che essi sono determinati a compiere ogni sforzo per risolvere i conflitti, di far cessare l'occupazione, la lotta contro l'oppressione, ridurre la povertà, promuovere i diritti umani e del buon governo, migliorare la comprensione interculturale e di garantire il rispetto per tutte le religioni e credenze. Queste azioni direttamente servire gli interessi di tutti i popoli del Euromed regione e in contrasto con quelle dei terroristi e le loro reti.



Campo di applicazione e obiettivi principali

9. I capi di Stato o di governo concordano sul fatto che la sfida che deve affrontare questo processo di Barcellona: Unione per il Mediterraneo è quello di rafforzare le relazioni multilaterali, per aumentare la condivisione delle responsabilità per il processo, la governance basata sulla parità di tutte le parti e portare il processo in progetti concreti che sono più visibili per i cittadini. È giunto il momento di iniettare nuovo impulso e sostenibile processo di Barcellona. Maggiori sforzi e nuovi catalizzatori sono ora necessari per tradurre gli obiettivi della Dichiarazione di Barcellona in risultati tangibili.

10. Il partenariato euro-mediterraneo resta un processo aperto a tutti i ispirata in tutti i suoi gli aspetti del principio di consenso e le modalità saranno progetti
determinato in occasione della prossima riunione dei ministri degli Esteri che si terrà nel novembre 2008.

11. Il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo valorizzare i risultati del Processo di Barcellona, che rafforzerà i risultati ottenuti e gli elementi di successo. La Dichiarazione di Barcellona, i suoi obiettivi e settori di cooperazione che prevede restano attuali e tre capitoli oggetto di cooperazione (dialogo politico, la cooperazione economica e di libero scambio, di dialogo e di umano, sociale e culturale) restano al centro delle relazioni euro-mediterranee. Il programma di lavoro quinquennale adottato in occasione del vertice tenutosi a Barcellona nel 2005 in occasione del 10 ° anniversario del Partenariato Euro-Mediterraneo (compreso il quarto capitolo in cui esso è stato quindi deciso estendere la cooperazione, vale a dire: l'immigrazione, l'integrazione sociale, giustizia e sicurezza) e le conclusioni di tutte le riunioni ministeriali rimarrà applicabile. I capi di Stato o di Governo riconoscere i progressi e benefici economici connessi con la creazione, entro il 2010 e oltre, una zona di libero scambio ampiamente nella regione Euro-mediterraneo e il rafforzamento di integrazione economica regionale in tutti i le sue dimensioni. Che appoggia i grandi orientamenti della tabella di marcia Euromed sul commercio fino al 2010et al di là e, più in particolare, una riflessione sul che istituisce un meccanismo di facilitazione degli scambi flessibile, efficiente e favorevole alla mondo affari, il che permetterebbe di migliorare la trasparenza e le opportunità commerciali e gli investimenti.

12. I capi di Stato o di governo hanno sottolineato che il processo di Barcellona: un 'Unione per il Mediterraneo si propone di costruire un futuro di pace e di prosperità condivisa in tutto il regione mediante l'attuazione di progetti che migliorerà il flusso di scambi tra i cittadini di tutta la regione. A questo proposito, si è deciso che l'iniziativa comprende un dimensione umana e culturale. Essi sottolineano la volontà di agevolare la circolazione legale di persone. Essi insistono sul fatto che promuovere la migrazione legale gestiti correttamente nell 'interesse di tutte le parti interessate, la lotta contro l'immigrazione clandestina e favorire il collegamento tra la migrazione e lo sviluppo sono questioni di interesse comune essere affrontate in maniera completa, equilibrata e integrata.

13. Il processo di Barcellona: l'Unione per il Mediterraneo integrerà le relazioni
Bilaterali che l'Unione europea ha con questi paesi 1, che continuano ad esistere ed operare in tutte le loro attuali azioni politiche, come gli accordi di associazione, i piani d'azione politica strumento europeo di vicinato e, nel caso della Mauritania, il gruppo di Stati africani, dei Caraibi e del Pacifico. La sua coerenza e la complementarità con la strategia congiunta UE-Africa Sarà inoltre garantita. Mentre che completa le misure relative alla sua dimensione regionale, il processo di Barcellona: l'Unione per il Mediterraneo sarà indipendente della politica di allargamento dell'Unione europea e negoziati di adesione processo di preadesione.


1 I paesi sono: Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano,
Mauritania, Marocco, Monaco, l'Autorità palestinese, Siria, Tunisia, Croazia e
Turchia; paesi candidati coinvolti nei negoziati per l'adesione all'UE, Albania,
Bosnia-Erzegovina, Montenegro, potenziali candidati per l'adesione all'UE, Libia,
invitati dalla Presidenza in quanto la riunione ministeriale Euromed di Stoccarda (1999).



14. Il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo conferito un nuovo impulso alla Processo di Barcellona almeno tre modi molto importante:
-- Aumentare il livello di relazioni politiche con i suoi partner dell'Unione europea
Mediterraneo;
-- In modo da consentire una maggiore condivisione di responsabilità per le nostre relazioni multilaterali;
-- Rendere questi rapporti più concreti e visibili attraverso progetti regionali e
subregionali ulteriori, utili per i cittadini della regione.



Rafforzare le relazioni

15. I capi di Stato o di governo hanno deciso di tenere vertici biennali.
Questi vertici dovrebbero portare a una dichiarazione politica e un breve elenco e lancio di concreti progetti regionali. I risultati dovrebbero approvare un ampio programma biennale di lavoro per il processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo. Incontri Ministri degli Esteri si terrà ogni anno a fare il punto della progressi realizzati nell'attuazione delle conclusioni del Vertice, per preparare prossimi vertici e, se del caso, di approvare nuovi progetti.

16. I vertici si svolgono alternativamente nella UE e paesi Partner mediterranei. Il paese ospitante dovrebbe essere scelto mediante consenso. Tutti i paesi partecipano all'iniziativa saranno invitati a presentare i vertici, le riunioni ministeriali e di altri riunioni plenarie del processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo.

17. Il Assemblea parlamentare euromediterranea (APEM) è l'espressione parlamentare legittimo processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo. I capi di Stato o di Governo appoggia il rafforzamento del ruolo dei APEM nelle sue relazioni con i partner mediterranei.

18. Euro-Mediterranea Anna Lindh per il dialogo tra le culture contribuire efficacemente, come Euro-Mediterraneo per la dimensione iniziativa culturale, in collaborazione con l'Alleanza delle civiltà delle Nazioni Unite.

Migliore condivisione delle responsabilità istituzionali e di governo

19. I capi di Stato o di governo decidono di creare una co-presidenza e
anche decidere che un segretariato comune verranno istituiti. Tutti i membri del processo Barcellona: Unione per il Mediterraneo potranno partecipare alla Co-Presidenza ed al Segretariato.

20. Dovrebbe mantenere le attuali strutture del processo di Barcellona, che dovrebbe essere adattate, ove nuove norme sono state fissate dai ministri
Ministri degli Esteri euromediterranei.

Copresidenti

21. I capi di Stato o di governo di creare un co-presidenza di migliorare l'equilibrio e la responsabilità per la loro collaborazione. Uno dei presidenti di origine da parte dell'Unione europea e l'altra a paesi partner mediterranei. Il principio di co-presidenza si applicherà a vertici, tutte le riunioni ministeriali, le riunioni di alti funzionari, la commissione Permanente coniuge e, se possibile, riunioni di esperti / ad hoc sotto dell'iniziativa.

22. Il nuovo copresidente
-- Deve, per quanto riguarda l'Unione europea, essere compatibile con la rappresentanza esterna l'Unione europea in conformità con le disposizioni del trattato che sono in vigore;
-- È, per quanto riguarda il Mediterraneo, realizzata da una co-presidente scelto da consenso per un periodo non rinnovabile di due anni.


Governance e istituzionale Segretariato

23. I capi di Stato o di governo ha deciso di istituire nuove strutture
Istituzioni che contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi politici di questa iniziativa, questi includono il miglioramento della condivisione delle competenze, di migliorare politica di relazioni euro-mediterranee e messo chiaramente il processo grazie a progetti.

24. Essi hanno deciso di creare un segretariato comune per il processo di Barcellona: UE Mediterraneo, che occuperà un posto centrale all'interno della architettura istituzionale. Il segretariato iniettare un nuovo impulso al processo, per quanto riguarda l'identificazione, il monitoraggio e la promozione di progetti e di partner di ricerca. Il finanziamento e la l'attuazione di progetti sarà su un caso per caso. Il segretariato garantire un'azione concertata con tutte le strutture operative del processo, tra cui l'elaborazione di documenti Che lavorano per organi decisionali. Avrà una distinta personalità giuridica e di un uno status autonomo.

25. Il mandato del segretariato sarà di natura tecnica, mentre i ministri degli Affari Estera e di alti funzionari continuare ad assumersi la responsabilità politica per tutti gli aspetti dell'iniziativa.

26. Il comitato misto di comitato permanente, che avrà sede a Bruxelles, fornirà assistenza ai riunioni di alti funzionari e la loro preparazione, e garantire un corretto controllo servirà anche come un meccanismo di reazione rapida nel caso in cui si verificano in regione, una situazione eccezionale che richiedono la consultazione con i partner Euro-mediterranea.

27. Alti funzionari continuare a riunirsi regolarmente per preparare le riunioni Ministeriale, tra cui progetti di approvare, per identificare e valutare i progressi realizzati in tutti gli aspetti del processo di Barcellona: una Unione per il Mediterraneo e il a presentare il programma di lavoro annuale per i ministri degli Affari esteri.

28. I dettagli del mandato della nuova struttura istituzionale, il funzionamento del Co-presidenza e la composizione, la sede e il finanziamento del segretariato, verrà arrestato per consenso dei Ministri degli Esteri nel novembre 2008 sulla base di discussioni e proposte presentate da tutti i partner.

Progetti

29. Processo di selezione dei progetti si riunirà gli obiettivi di pace, di sicurezza e di stabilità sanciti nella Dichiarazione di Barcellona. I partner creeranno un ambiente favorevole la realizzazione dei progetti, tenendo conto regionali, subregionali e i progetti transnazionali proposti e la loro dimensione, la loro rilevanza e interesse per le parti coinvolte in essa, in conformità con il campo di applicazione e obiettivi principali l'iniziativa. Esso tiene conto della capacità di progetti per promuovere lo sviluppo uno sviluppo equilibrato e sostenibile e di integrazione, la coesione e la inter-regionale e subregionali e fattibilità finanziaria dei progetti, ivi compreso l'uso più ampio possibile il finanziamento e la partecipazione del settore privato sarà privilegiata. Alti Funzionari definire i criteri di selezione dei progetti, che sarà presentato per approvazione Ministri degli Esteri.

30. I capi di Stato o di governo ha sottolineato il potenziale di cooperazione
attraverso il principio della geometria variabile progetti, in conformità con il campo di applicazione e le principali obiettivi dell'iniziativa. Questo approccio consentirà di paesi membri che hanno affinità, obiettivi comuni o complementarità rinvigorire il processo e raggiungere obiettivi della Dichiarazione di Barcellona.

Finanziamento

31. Il processo di Barcellona: un Mediterraneo Unione di modi per mobilitare
finanziamenti supplementari per la regione, principalmente attraverso progetti
regionali e subregionali. La sua capacità di attrarre finanziamenti supplementari in
per progetti regionali, con un elevato livello di coordinamento tra i donatori,
costituiscono il valore aggiunto di finanziamento principalmente dalle seguenti fonti: la partecipazione del settore privato; contributi di bilancio dell'Unione europea e tutti i partner; contributi provenienti da altri paesi, le istituzioni finanziarie internazionali e regionali, enti; Fondo euromediterraneo d'investimento e di partenariato (FEMIP); busta ENPI Euro-Med, la struttura di investimento ai sensi della politica di vicinato e lo strumento della cooperazione transfrontaliera di ENPI, e altri strumenti applicabili ai paesi interessati dalla iniziativa, per i quali la selezione norme e le modalità al solito restano applicabili.


Osservazioni finali

32. Partecipanti hanno sottolineato che il processo di Barcellona: una "Unione per l'est del Mediterraneo
un'occasione storica per rilanciare il processo di partenariato euro-mediterraneo e di
conferire una maggiore dimensione. Il successo di questa iniziativa dipende anche, in ultima
analisi, cittadini, società civile e la partecipazione attiva del settore privato.

33. I capi di Stato o di governo invitano i ministri degli esteri per salvare il
punto a loro prossima riunione nel mese di novembre, le modalità di attuazione
Istituzionale di questa iniziativa. Queste nuove strutture dovrebbero essere pienamente
operativa entro la fine del 2008. Tutti i paesi partecipanti e la Commissione europea
Lavoreremo in stretto coordinamento per raggiungere questo obiettivo.


ALLEGATO
Il futuro della regione euromediterranea sta nel migliorare lo sviluppo
socio-economiche di solidarietà, l'integrazione regionale, lo sviluppo sostenibile e
conoscenza. È necessario estendere la cooperazione in settori come lo sviluppo delle imprese, commercio, ambiente, energia, gestione delle risorse idriche, agricoltura, sicurezza alimentare, sicurezza alimentare, i trasporti, questioni marittime, istruzione, formazione professionale, della scienza e della
tecnologia, cultura, mezzi di informazione, di giustizia e di diritto, la sicurezza, l'immigrazione, la salute, il rafforzamento del ruolo delle donne nella società, la protezione civile, del turismo, della pianificazione urbana, porti, la cooperazione decentrata, la società dell'informazione e la competitività cluster.
Inoltre, ha sottolineato che è importante rafforzare la sicurezza degli approvvigionamenti prodotti alimentari, tenendo conto delle conseguenze dei cambiamenti climatici sul colture alimentari nel contesto delle politiche di sviluppo sostenibile.
L'importanza di acqua è un fatto riconosciuto: la Conferenza ministeriale euromediterranea che svoltasi in Giordania nel mese di ottobre 2008 l'acqua definire una strategia per il Mediterraneo, difendere la conservazione delle risorse idriche, la diversificazione delle risorse l'approvvigionamento idrico e razionale e sostenibile delle risorse idriche.
Le priorità fissate nel programma indicativo regionale per il partenariato euro-mediterraneo e in futuro programmi resteranno applicabili e dei contributi che la Comunità potrebbe portare l'nuovi progetti regionali di seguito elencati possono essere finanziate scapito dei bilaterali esistenti dotazioni di bilancio dell'Agenzia europea vicinato e partenariato o di strumento di adesione (o, nel caso della Mauritania, Fondo europeo di sviluppo).
E 'essenziale per raggiungere gli obiettivi fissati nella Dichiarazione di Barcellona del 1995 il programma di lavoro del 2005 e tradurlo in grandi progetti regionali.
Nel frattempo, si è deciso di lanciare una serie di importanti iniziative, che sono elencati qui di seguito, e che il futuro segretariato presenterà modo dettagliato.

L'inquinamento del Mediterraneo: Sinonimo di cultura e di storia, il Mediterraneo è più tuttavia, per la regione, un simbolo o un'icona. E 'anche un purveyor
posti di lavoro e una fonte di piacere per i suoi residenti. Tuttavia, la qualità del suo ambiente ha subito gravi alterazioni negli ultimi tempi. Basato su iniziativa "Horizon 2020", l'inquinamento del Mediterraneo, tra cui costiere e aree marine protette, in particolare nel settore idrico e dei rifiuti, sarà molto utile per vivere e la sussistenza della sua gente.

Autostrade del mare e terra autostradali: Il Mediterraneo non è un mare che separa, ma un mare che unisce persone. E 'anche un importante canale di comunicazione commerciale. Il facile e sicuro accesso e di circolazione delle merci e delle persone, per terra e per mare, sono essenziali per mantenere e rafforzare le relazioni commerciali regionali. Lo sviluppo delle autostrade del mare, tra cui il collegamento di porti in tutto il bacino Mediterraneo e la costruzione di strade costiere e l'ammodernamento del collegamento Ferroviario trans-Maghreb ", aumenterà il flusso e la libertà di circolazione delle persone e delle merci. Si dovrebbe prestare particolare attenzione alla cooperazione nel campo della sicurezza e della sicurezza marittima, in una prospettiva di integrazione globale nel Regione mediterranea.

PROTEZIONE CIVILE: Tutto il mondo, il paesaggio porta le tracce di danni causati da manmade o catastrofi naturali. Gli effetti del cambiamento climatico sono evidenti per tutti. La regione mediterranea è particolarmente vulnerabili ed esposti a tali disastri. Un programma comune della protezione civile sulla prevenzione delle catastrofi, la preparazione e reazione a loro, coinvolgendoli maggiormente la regione del meccanismo di protezione civile dell'Unione europea, è quindi una priorità importante per questa regione.

(**)Energie alternative: solare Piano Mediterraneo: L'attività sperimentato di recente mercati energetici, sia in termini di offerta e la domanda di conferma la necessità di interesse a fonti di energia alternative. La commercializzazione di tutte le fonti di energia alternative e la ricerca e lo sviluppo su di essi sono quindi un fondamentale priorità d'azione per lo sviluppo sostenibile. Il servizio di segretariato è studiare la fattibilità, progettazione e creazione di una energia solare mediterranea.

L'istruzione superiore e di ricerca, università euro-mediterranea: una università Euro-mediterranea (che ha sede in Slovenia) possono contribuire alla comprensione tra popoli e promuovere la cooperazione nel campo dell'istruzione superiore, sulla scia di obiettivi fissati dal processo di Catania e la prima conferenza ministeriale Conferenza ministeriale euromediterranea sull'istruzione superiore e la ricerca scientifica (Il Cairo, Giugno 2007). L'università della missione sarà quello di stabilire, attraverso una rete cooperazione che coinvolgono partner di agenzie già esistenti e di università della regione euromediterranea, programmi di studio e post-laurea programmi ricerca e, quindi, contribuire alla creazione di Euro-Mediterraneo di istruzione superiore, della scienza e della ricerca. I paesi partner sono incoraggiati ad utilizzare pienamente le opportunità offerte dai programmi esistenti di cooperazione in l'istruzione superiore, quali Tempus e Erasmus Mundus, tra cui la finestra per la cooperazione esterni. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al miglioramento della qualità e la partita tra la formazione professionale e le esigenze del mercato del lavoro.

Il Mediterraneo su iniziativa lo sviluppo delle imprese si propone di assistere paese entità partner che già fornire un sostegno per le microimprese e le piccole e medie dimensioni imprese nel valutare le esigenze di queste imprese, che istituisce soluzioni strategiche e fornendo loro le risorse necessarie in forma di assistenza tecnica e di strumenti finanziari. Tale iniziativa si baserà sul principio della condivisione delle responsabilità e attività dovrebbero essere complementari a quelle entità che già lavorano in questo settore. I paesi del due sponde del Mediterraneo contribuirà su base volontaria.

fonte 19 pagine in PDF:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!

in lingua francese

Il documento riportato sopra è stato accettato e firmato da tutti i 43 Stati presenti al vertice dando così vita alla "Unione Mediterranea".

(**) qua si riferisce chiaramente al "Progetto Desertec", cioè alla realizzazione delle "centrali solari termodinamiche ad alta temperatura", ideate dal nostro Nobel Carlo Rubbia, ormai da oltre 6 anni.

In altro documento redatto dalla Presidenza francese come auspicio a ciò che sarà l'Unione Mediterranea del domani, che presto pubblicheremo in questo sito, l'argomento viene affrontato in maniera molto più esaustiva, questo non può che far piacere in quanto redatto dalla maggior Nazione ad energia Nucleare procapite del mondo, soddisfa l'85% del suo fabbisogno interno e ne vende anche all'estero, 60 centrali su circa 400 presenti in tutto il mondo, e si proprio la Francia guarda alla possibilità del solare come una soluzione molto seria e concreta capace di unire i popoli del mediterraneo portando sviluppo e benessere ad iniziare dalla sponda africana.
PMEmail Poster
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 1.8995 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]