Pagine : (9) 1 [2] 3 4 ... Ultima »  Reply to this topicStart new topic

> IL PROGETTO ARCHIMEDE, un campo di specchi parabolici
 
MatteoAdmin
Inviato il: Domenica, 05-Nov-2006, 05:31
Quote Post


Administrator
***

Gruppo: Admin
Messaggi: 921
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 04-Nov-2006



INTERVISTA DI ALCUNI ANNI FA ALL'ALLORA PRESIDENTE DELL'ENEA
Carlo Rubbia
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

Priolo Gargallo dimostra che ricerca e industria possono andare a braccetto…
Questa di Priolo Gargallo è un'occasione importante per la ricerca, che ha bisogno di idee, e per il mondo produttivo che ha finalmente capito l'importanza delle idee. Da Priolo si può aprire una nuova fase per il nostro Paese, nel quale industria e ricerca possono coesistere se non addirittura complementarsi vicendevolmente. Enel ed Enea operano insieme molto bene in un contesto totalmente italiano. Il progetto Archimede è un risultato ben concreto su un problema pressante per il nostro Paese come è quello dell'energia.
Ci sono stati problemi nella realizzazione del progetto Archimede?
Tutte le idee nuove partono in sordina per poi crescere con il passare del tempo. Enea ha lanciato tre anni fa questo progetto, tengo a precisare totalmente made in Italy. Alla fine dello scorso anno, il gruppo di lavoro che nel frattempo si era costituito, è riuscito a far funzionare il primo tubo che rende operativo il programma. In questo quadro abbiamo sviluppato un ottimo rapporto con Enel, che ci ha aiutato in maniera sostanziale a mettere in pratica queste idee trasformandole in un qualche cosa di utile e utilizzabile. La posizione della Sicilia ci permette di pensare ad una produzione di energia in termini economici ottimali e in condizioni di estrema semplicità. Questo apre una doppia strada per il nostro Paese: la prima è quella di produrre altri impianti solari, mentre la seconda è quella che porta alla produzione di energia rinnovabile "indigena" in un momento delicato come quello attuale. I tempi tecnici sono relativamente brevi. Contiamo di produrre energia elettrica verde entro i prossimi tre anni.
Il futuro quindi è nel sole…
Ne sono più convinto, a patto che iniziamo ad imparare come sfruttare al meglio tutta l'energia che sprigiona, in maniera costante e pulita. Consideriamo un aspetto molto semplice. Un campo di specchi grande come un aeroporto può produrre un sesto dell'energia che importiamo dalla Francia. Perché questa quantità non la possiamo prendere dalle aree disabitate del nostro Paese?
Il punto di arrivo sarà l'indipendenza energetica?
Questo che compiamo a Priolo Gargallo è un primo, significativo,passo verso questa direzione, ma di strada da fare ne abbiamo ancora tanta. Da questo punto di vista, l'Italia tra i grandi del Pianeta, è il Paese più vulnerabile dal punto di vista energetico per la quasi totale dipendenza dalle importazioni delle fonti energetiche.
Oggi si sviluppa il solare, domani sarà la volta dell'idrogeno?
Anche per lo sviluppo dell'energia derivata dall'idrogeno vorremmo procedere allo stesso modo che con il solare. Non c'è dubbio che esistono solamente due fonti di energia totalmente pulite, una è quella solare l'altra è quella ad idrogeno. Il progetto intorno al quale un gruppo di ricercatori dell'Enea sta lavorando è la sostituzione del gas con l'idrogeno. Lo studio prevede la produzione diretta di idrogeno a partire dal calore solare. Attraverso un sistema relativamente semplice, il sole trasforma l'acqua in idrogeno e ossigeno. Mentre quest'ultimo si disperde nell'atmosfera, l'idrogeno verrà utilizzato come fonte energetica.
fonte:
Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!



Purtroppo il nostro Nobel Carlo Rubbia, da circa due anni non è più il presidente dell'Enea, all'improvviso non è stato più ritenuto utile investire 50 milioni di euro in tale progetto, causando le dimmissioni di Rubbia, il quale è stato subito invitato dagli spagnoli per collaborare alla realizzazione delle Centrali Solari in Spagna, il direttore della ricerca spagnolo è stato suo collaboratore quando Rubbia presiedeva il gruppo europeo di ricerca sulla fusione nucleare.
Mentre qua da noi si continua a discutere Nucleari si, Nucleare no gli altri corrono con le nuove Tecnologie, utilizzando pure i cervelli Italiani, questo fa onore ai nostri uomini migliori ma meno ai nostri governanti.
PMEmail Poster
Top
Elio Adriano
Inviato il: Giovedì, 30-Nov-2006, 19:21
Quote Post


Unregistered









Che tristezza, un'altra occasione persa!
Un'altro dei nostri "cervelli" (nonché uno dei pochi Nobel scientifici italiani) costretto ad emigrare dalla pochezza della nostra classe politica, dalle beghe di quartiere, dal clientelismo, dalla scarsa lungimiranza.. Ormai ci potremmo chiamare il Paese delle occasioni perse.
50 milioni di Euro non sono pochi, ma se lo Stato, dalle casse disastrate, non li ha (e non si contano gli sprechi), si poteva cercare qualche altra fonte: la CDP, le fondazioni bancarie, un prestito in project finance, le opportunità sono tante per un progetto così interessante. Anche se l'interesse pubblico avrebbo dovuto anteporre ogni considerazione economica da parte dello Stato.
Grazie per l'esposizione chiara e dettagliata di un progetto così interessante.
L'argomento è assolutamente cruciale per la nostra salute e il nostro benessere; questi sono troppo preziosi per cederli (e gratis!!!!) a vantaggio del profitto di poche società petrolifero/automobilistiche.
Occorre supportare incondizionatamente chi faccia qualcosa (qualsiasi cosa! e in questo caso era qualcosa di molto importante) per scardinare questo paradigma economico-produttivo.
Ancora una volta, in questo caso, viva la Spagna! che si dimostra più all'avanguardia di noi nell'ennesimo settore.
Top
Sostieni questa voce
ogni piccolo gesto di solidarietà rallegra il cuore
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Pagine : (9) 1 [2] 3 4 ... Ultima » Reply to this topicStart new topic

 



RICERCA AVANZATA
MESSAGGI RECENTI
VAI AL PORTALE
RICERCA AVANZATA
  Vai Su - Up-->








[ Script Execution time: 0.2626 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]